Kabul | Alfredo D’Alessandro

Digrignati i denti
rivoluzionati i mari
disertificati gli specchi i futuri −
guardiani distratti disertati
affollati tra i vetri −
ereditati i mali
coagulati Occidente Oriente
senza distinguo invadono
per profitto senza piani
hanno prospettive miopi
Kabul si sveglia
col suo fantasma
i suoi migliori figli oggi
orfani del cielo della terra
in affannosa fuga
e una luna beffarda che cala
su esseri umani come chiodi appesi
ai carrelli degli aerei.

Testo di ALfredo D’Alessandro
Elaborazione sonora di Elena Cappai Bonanni
Illustrazione di Shamsia Hassani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...