L’assedio dell’aria

Quest’anno ho preso parte al festival di poesia di strada che si è svolto a San Donato Milanese. Una costellazione di palazzi eretti dall’Eni, Metanopoli, le cui architetture hanno registrato, decade dopo decade, la percezione che la classe dirigente ha del suo stesso futuro, della sua stessa identità; identità che, in questi luoghi, è dunque impressa nelle superfici di vetro, nel calcestruzzo, che ridefinisce lo spazio pubblico e le sue relazioni.

14542441_202720136800222_377118998181357130_o
Opera di Checko’s Art

Il mio contributo si è riassunto nel trascorrere una mattinata chiacchierando con alcune quarte e quinte liceo classico e scientifico: considerare con loro che esistono discipline come la linguistica, riflettere sul fatto che il fine della scuola è dare a ognuno lo stesso sostrato, omologare. L’italiano, lingua nazionale, non è qualcosa di monolitico, e qualcuno stabilisce se sia opportuno insegnare un autore a discapito di altri.
Dunque non avevo assegnato alcuna superficie di intervento, ovvero un muro sul quale imprimere dei segni, e diversamente non sarebbe potuto essere: in questo momento non sono un poeta di strada.

14525112_202720236800212_8042703355122847920_o
Opera di Mister Caos

Poesia di strada è tuttavia un’espressione a me cara, e non solo per una forma di sano campanilismo: oltre a essere un’espressione del tutto italiana, come spesso ricorda Ivan[1], essa infatti indica un permeabile confine entro il quale si cerca di far convergere pratiche tra loro molto dissimili, la maggior parte delle quali accomunate da una cifra spontaneistica. Ad altre latitudini alcuni di questi interventi sarebbero accolti nell’alveo della site specific art[2], qui, nella penisola, si è sentita l’urgenza di tracciare una cornice.
Se questo accade è per dare appunto ragione, nella lingua, a una necessità che riguarda un gruppo di persone. Una coscienza – pure dove non si riscontra un manifesto né un programma – definisce la natura di un organismo le cui cellule, insistendo su questa metafora, sono gli individui, il quale può mutare le sue sembianze nel tempo e pure morire.

Una coscienza – pure dove non si riscontra un manifesto né un programma – definisce la natura di un organismo le cui cellule sono gli individui.

Ora credo che goda di buona salute perché è impossibile individuarne gli elementi storici. Certo, se ci si riferisce solo alle sue recenti declinazioni, il segmento temporale nel quale questi fatti accadono e in cui io ho il privilegio di vivere; per intenderci, altro tema sono i graffiti di Pompei, i versi, resi pubblici, da anonimi poeti, tra strade e piazze, in Oriente.

Ad altre latitudini alcuni di questi interventi sarebbero l’alveo della site specific art […]. Altro tema sono i graffiti di Pompei, i versi, resi pubblici, da anonimi poeti, tra strade e piazze, in Oriente.

Può darsi che io stia scambiando per vita uno stato di animazione sospesa – che sarebbe ben peggiore di una vita insignificante – o, ancora, un proposito di vita. I propositi, come le frasi mai dette, i libri mai scritti, non possono essere discussi o condivisi, non gli si attribuisce un valore d’uso; condizioni, ognuna di queste, che nell’arte hanno qualità molto diverse. Eppure la poesia di strada oggi mi sembra assolutamente viva. Spero che il mio non sia solo un abbaglio.

Copertina di Poly Photografy

[1] Poeta di strada fondatore di Artkademy, attivo nella scena milanese.
[2] Denominazione generalmente usata nell’ambito dell’arte contemporanea per indicare un intervento che è pensato e che si inserisce in un preciso luogo: http://www.tate.org.uk/art/art-terms/s/site-specific
Annunci

Published by

Francesco Terzago

Francesco Terzago è nato a Verbania nel 1986, ha studiato Linguaggi e tecniche di scrittura a Padova. Collabora, o ha collaborato, con collettivi, siti internet e riviste quali: AbsolutePoetry, Poesia2.0, Scrittori Precari, Mitilanti. Fa parte della redazione di «In Pensiero» e di «Argo», con cui ha curato L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti in dialetto e in altre lingue minoritarie (1950-2013). Il suo racconto Buffalo Bill è uscito con «The eyes can see what the mouth can not say». È membro del Comitato di Ricerca Inopinatum sulla creatività urbana della Sapienza - Università di Roma. Sue poesie sono presenti in: «Italian Poetry Review», «ClanDestino», «Le Voci della Luna», «Nuovi Argomenti», «Smerilliana» e «ALI»; e nelle antologie La generazione entrante (Ladolfi Editore) e Poeti della lontananza (Marco Saya Edizioni).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...