L’altro | Alessandro Cabiati

Un’impressione scura come colpi
a vuoto sulle quattro corde
di un basso elettrico
(un arpeggio profondo

                      o

                         4                 o

                         4                      o

                                                      o

                                                           o)

Vulnerabilità

poco prima di addormentarmi
innata voglia e timore 
di dissolvermi
nell’altro lato di me
opaco come un lungo accordo
sulla prima ottava di un pianoforte

inconscio: Io è un altro
non è mica vero?
Difatti amo i sogni
cortometraggio iperbolico a colori e note
sensazione pura

                asensoriale

                            paura

o gioia

o sesso, o il tutto
simultaneamente estremo
o stranezza in bocca
e sbalordimento negli occhi
ecco cosa lasciano gli Altri
personaggi che calcano
il palcoscenico ambiguo
del circo onirico Freudiano
(in attesa d’interpretazione spicciola)

con:

Io nel ruolo dell’Altro
il regista avanguardista di capolavori notturni
il musicista improvvisato di note diafane.

TESTO DI ALESSANDRO CABIATI
VOCE DI BARBARA GIULIANI
COLLAGE DI PINTO BARKER

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...