Sibilla | Zahira Ziello

Mondo

Altrove, c’è un pescatore
che annuisce alla luna,
che spacca la bocca
a chi lo guarda.
Altrove, c’è una zingara
che battezza corpi morti
nel Tamigi.
Altrove, c’è un passero
che sputa ai cani
che vogliono mangiarlo.
Altrove, ci si bacia i piedi
per avere equilibrio.
Altrove, si piange
quel che non si ha,
qui si dice solo sì.
Altrove, c’è una donna
che canta alle teste sui piedistalli,
bacia le loro mani mozzate
poi mette le sue dita
nei loro occhi e canta,
canta, che questa sarà la fine.


Machine

Les phalanges contre les tempes
à boucher le sang,
les dents ne crient pas
sans pain,
crie la rate grisonnante.
Et ils s’affaissent abattus
avec le museau contre les pieds
ni la terre sur le dos

Tout changement d’étant
ignore qui bégaie,
il s’asservit à ceux qui exposent et cachent

Seuls les corps se reflètent
en peaux déchirées, en yeux rouges
Tout changement d’étant goûte
les peaux étendues à côté, congruentes.

Testi di Zahira Ziello, da “Sibilla” (Terra d’ulivi, 2021)
Resa sonora di Elena Cappai Bonanni

Immagine di Anna Malina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...