Rimpianto d’amore e anarchia | Sebastian Recupero

Giorni in cui mangiarsi un cuore
tra pranzi di festa e prima del dolce
prima ancora dell’ultimo bicchiere
nella stanza che supera le voci
col sottofondo di vocali, afferrarci
azzannare e rifare i connotati
fare un qualche Natale umano
e banchettare di nuvole rosse
trafilate a strisce di legno negli occhi
di silenzi e di alcuni caldi tessuti
e nel rumore dell’ordine sepolto
disseppellito, furtivo, amore:
tutte le cose, tutte le preparazioni
tutti i sentimenti di cartone
digerire digerire digerire
ancora contro la legge la distanza
quella di questi anni e di tutti
la verità di un socialismo lontano
senza le nostre legittime paure
senza i nostri corpi illegali:
fuori legge è la condizione
della verità il nostro capodanno
a venire compagni a venire alleanza
a venire potere a venire pulsioni
a venire deflagrazione e violenza
la bellezza a punire pura
a venire bomba atomica dell’assenza.

Al momento però la morte rituale:
Amaro del Capo,
col suo bicchiere in regalo.

testo e voce di Sebastian Recupero
Sonorizzazione di Elena Cappai Bonanni
Collage di Richard Vergez

VERSI TRATTI DALLA RACCOLTA
sAREMO ANCORA CORPI, CHE LOTTANO (2022)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...