+Crucifiction+ | Michele Carniel

I piedi della pietà si sono sbriciolati
ed io mi sento come
un filo impiccato ad un ago
costretto a tessere
per resistere
o come un palato che trattiene
i gusti migliori
per tenere in vita una lingua assente.

Resto ad un passo dal dolore migliore
[Rendi meglio nella sofferenza, lo sai?]
con pochi centesimi di fiato nello sterno
[Sembri un precipizio dimenticato dai rovi]
…e non smette di picchiarmi questa pioggia
[tu e la tua depressione nascosta nei capelli].

(Entra in scena il plotone di esecuzione:
– una luna che si è dimenticata la luce accesa
– una minestra infreddolita che minaccia la fame
– dita che hanno smesso di essere mano
– un crocifisso in crisi spirituale
– vestiti a terra che non vestono nulla).

Se solo la smettessi di porgermi ostie
e di bagnarti le labbra sbagliate, forse
– e dico forse – potremmo anche invaderci,
potremmo anche pioverci, potremmo.

Voce di Barbara Giuliani
Scultura di Fabio Viale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...