Dare voce ai muri | Una mappatura della poesia di strada

Quando si realizza un libro collettivo, afferma Francesco Terzago nel primo capitolo di Con le parole ovunque, fresco di stampa per Agenzia X, casa editrice milanese che da sempre indaga il sottobosco della controcultura italiana, la paura è di storicizzare, stilare cioè un elenco di nomi illustri, oppure di suggerire in anticipo la via da percorrere, vivisezionando qualcosa che fino a quel momento era vivo. “Quando arriva il significato”, come scriveva qualcuno, “vuol dire che fuori non c’è più nulla.” Proprio per evitare questo rischio, Terzago si è fatto aiutare da chi la poesia di strada la pratica ogni giorno, fra tutti MisterCaos – aka Dario Pruonto – qui nella veste di novello “Virgilio”, che ha compilato una vera e propria “mappatura” dei vari artisti e movimenti che compongono questa branca dell’arte contemporanea urbana, per osservare la poesia di strada nel suo ecosistema.

Questa non è una raccolta di ricette

Ben lontani dal voler costituire un prontuario del genere, i poeti di strada qui si auto-presentano, creando una cartina precisa di quell’asse viario che fra Milano, Torino e La Spezia ha rappresentato per entrambi gli autori l’habitat ideale dove sperimentare la loro arte e il loro studio sul territorio, in costante comunicazione con il tessuto che l’ha creato, frutto di una sensibilità collettiva e di un sentire comune che appartiene alle città stesse. Non di meno, i festival che lo hanno reso possibile – Mitilanza a La Spezia, il Festival di poesia di strada a Milano e a Genova, Poetrification a Torino – che da sempre hanno la funzione di mescolare i linguaggi, dando una rappresentazione delle molte applicazioni concrete della poesia contemporanea.

Le mura della città non devono essere mute

Come i poeti di strada non si stancano di ripetere, il loro gesto – parente del graffitismo, ma differente nell’intenzione – non vuole “marcare” un territorio ma dare voce sui muri alle istanze represse dal realismo capitalista, attraverso una sovversione dello spazio urbano, dando una manifestazione di ingiustizie e descriminazioni a volte sistemiche, che proprio per questo non vanno dimenticate ma diventano una testimonianza.

La poesia di strada nasce gettando parole tra le vie, pugni di semi nel vento.
(ivan)

Grazie alla sua lente caleidoscopica maturata in anni e anni di pratica sul campo, MisterCaos riesce a fornire un riassunto esaustivo della scena della poesia di strada italiana, mettendo in evidenza stili, influenze e luoghi di interesse. Questa particolarità fornisce al testo una forte credibilità per chiunque voglia addentrarsi in questo mondo fatto di rulli, pennelli e bombolette in anfratti di periferia, con azioni (a volte illegali) che resituiscono l’urgenza comunicativa della nostra epoca, dove non sempre quello che viviamo finisce nei libri e ancor meno sui muri delle città, nella distopia del “decoro” che impedisce qualunque forma di creatività spontanea.

Come riporta Valentina Di Cataldo nell’introduzione al libro, la poesia di strada in Italia nella sua forma attuale comincia a manifestarsi nei primi anni 2000, grazie al milanese Ivan Tresoldi, per poi diffondersi in tutta la Penisola nelle sue varie diramazioni: la poesia di strada “è una crepa nello spazio urbano, un’azione che rompe la prevedibilità della visione e al contempo mette in relazione chi scrive e chi legge con un luogo, un angolo, un isolato. Come ogni pratica espressiva, è caratterizzata da forme peculiari che la rendono unica e irriducibile agli altri linguaggi dell’arte urbana, ma la sua identità non è né cristallizzata né immutabile, bensì liquida, o meglio fluida e non del tutto riassorbibile, proprio come la società in cui viviamo: una macchia d’olio che scivola sulla superficie dell’acqua.” Oltre ai già citati Mister Caos e ivan, si ricordano i Poeti der Trullo e Decle a Roma, le varie sezioni del MeP a Firenze e a Torino, Davide DPA a Lecce, Francesca Pels a Milano.

Oggi la poesia di strada coinvolge centinaia di autori che da nord a sud riversano parole nello spazio urbano per riappropriarsene e innescare un dialogo con i luoghi e i suoi abitanti.

La lettura prosegue poi con con una poesia inedita di ivan, gli estratti esilaranti tratti dal processo kafkiano che ha subito, una sua biofollegrafia realizzata con Marco Philopat in stile sperimentale e dedicata al poeta Nanni Balestrini, e si conclude con un glossario e un inserto fotografico sulle poesie murali contemporanee. Una tappa obbligata per tutti coloro scrivono versi perché “provocati dal pensiero” e non sanno esprimersi “a parole.”

Francesco Terzago, MisterCaos, Con le parole ovunque
© Agenzia X, 2021
Copertina di Zeno.Pax


Francesco Terzago è membro del centro studi universitario Inopinatum e dell’osservatorio Inward, che si occupano entrambi di creatività urbana. Ha trascorso due anni in Cina a Guangzhou, studiando la street art. È tra i fondatori del collettivo Mitilanti.

MisterCaos è una figura di riferimento della poesia di strada italiana, la sua è una pratica artistica originale supportata da una ricerca estetica e storiografica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...