Tutorial: un disco banale


La storia dietro iFasti è lunga: nati da una costola dei morenti Seminole, band noise-rock torinese d’attitudine punk, il progetto nasce come spazio di sperimentazione tra spoken word, elettronica e musica suonata: con cinque membri su di un palco, oltre alla voce e all’elettronica, la formazione si completa con chitarra, sax e ben due bassi, ed è in quest’ottica che la loro musica va letta.

È musica nata dagli strumenti agiti, dall’atmosfera del live – e nello specifico dei concerti condivisi con altri artisti, in festival e date splittate, una delle radici della componente di metascrittura molto presente nei loro testi – e dalla comunicazione diretta con un pubblico che non è solo con un impianto o gli auricolari, ma è davanti al palco e attorno ad altri. E che, in qualche modo, è in piedi davanti a un impianto e si muove.

Tutorial, album uscito a marzo 2020, arriva dopo cinque anni dal precedente Palestre e non aggiunge molto a un discorso già definito e forte come quello de iFasti: una solida struttura musicale che si appoggia sull’elettronica per poter liberare e assieme controllare una palette di suoni strumentali che toccano l’industrial più sperimentale tanto quanto l’indie più pop, il tutto a fornire sostegno e forza ai testi di Rocco Brancucci, alla sua voce stentorea, al suo tono rabbioso e sarcastico con cui consegna con veemenza i testi all’ascoltatore.

Un adagio dell’underground ricorda che, in un certo qual modo, la banalità è punk. L’approccio di Brancucci alla spoken word, particolarmente in questo disco ma più estesamente in tutto il suo lavoro nella band, va filtrato anche in quest’ottica: la lucidità con cui approccia temi anche vaghi e scontati come l’amore, la società e i ruoli delle persone è frutto di una disillusione provocatoria che non può non scegliere una scrittura scarna e diretta, al limite della semplificazione o dello slogan, con versi come “Si parla d’amore e ci si nutre d’odio, che strano paradosso”, che se estrapolati dal contesto potrebbero più far pensare a della letteratura-discount alla Fabio Volo che a un progetto di spoken word. Ma è proprio nella prospettiva indicata all’apertura di questo articolo che queste frasi acquisiscono di potenza: la critica alla società, in questo disco, è principalmente critica verso il modo che se stessa ha di raccontarsi, una riappropriazione polemica di questi stessi mezzi per farli risuonare in maniera diversa, in un’ottica in cui proporsi all’ascolto diventa atto politico e performance, pecora nera all’interno della line-up di un evento o di una playlist.

Anche per questo, sia nelle strutture musicali che nelle ripartizioni del testo, quest’ultimo lavoro de iFasti presenta molte forme di ibridazione con la forma-canzone più standard, seguendo una via sempre più chiara risalendo lungo la loro discografia: la presenza di ritornelli e cori, di riff e loop facilmente riconoscibili, un approccio alla scrittura che, per quanto narrativo, rispetta una divisione in versi e stanze dalla metrica chiara, tutto ciò viene proposto perché renda l’assimilazione dei concetti più diretta e semplice. Se spesso nei progetti spoken word ci si può immaginare l’ascoltatore fermo nella decodifica del messaggio, immerso in un soundscape in cui la pulsazione ritmica, se c’è, è strumentale alla narrazione e subordinata a essa, al contrario, in un disco come Tutorial, i ritmi incalzanti della società e della sua narrazione sono riproposti con l’intento di far muovere il corpo dell’ascoltatore, in qualche modo di farlo reagire ad essi – rubando spazio di complessità ai testi, forse – ma proponendo un approccio altro e non per questo meno valevole.

In un disco come Tutorial, che già dal titolo si propone come chiave di lettura della realtà, è proprio questo approccio critico che diventa protagonista dei brani, più delle storie stesse che, per temi o immagini, potrebbero apparire semplici e scontate. L’operazione è di sottrazione: togliere tutto, fino al banale, per toccare quello che banale non è.

(Isidoro Concas)

IONOI

Per essere moderni
attivi ed attraenti
devi raccontare
di storie individuali

ironiche
simpatiche
fresche
malinconiche

soprattutto un po’ nevrotiche

Io è la parola di questi nostri anni
Noi è la parola da non usare mai
Io è lo spettacolo perenne, sempre da mostrare
Noi ci aggiriamo strani
sperando in un conflitto che non arriva mai

Vietato parlare
di sfruttati e sfruttatori
di una vita senza senso

Proteste digitali
poi, tornare a consumare

Per avere successo l’ironia non deve mancare
cita una notte in un locale
una sostanza con cui esagerare
una frase con un doppio senso
e un amore in riva al mare

Io è la parola di questi nostri anni
Noi è la parola da non usare mai
Io è lo spettacolo perenne, sempre da mostrare
Noi ci aggiriamo strani
sperando in un conflitto che non arriva mai

Testo e musica de IFasti
Video di Alessandro Baudino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...