Ospedale sulla Nettunense | Tre inediti di Gabriele Galloni

Un uomo molto grasso seppellisce
una lampada in pelle di zebra:
la si ricorda anche così la vita
sempre sull’orlo (e quasi mai finisce).

Cessa l’interferenza e tutto è chiaro.
Un altro video parte. Un campo lungo;
tre ragazzini distesi sul letto;
la stanza è molto grande – e se è domenica
di video in video amplierà i suoi confini.

La crederai un oceano sotterraneo.

II

La luna è un vassoio d’argento
sul quale è posata una fetta
di carne – e tu mi scriverai piangendo?

Mostrando il tuo sesso all’armadio
aperto?

III

Desiderò scomparire. Si fece
portare nella camera mortuaria
di un ospedale sulla Nettunense.

Diede disposizioni affinché l’aria
gli venisse sottratta gradualmente –
e il suo corpo donato alla varia

umanità del posto. Lo mangiarono.

Mixaggio di Elena Cappai Bonanni
Base: Free Sound
Opera di Ruslan Matyuk

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...