Per una storia del godimento #2

Ciò che io chiamo desiderio è quel moto che mi porta a concepire e a realizzare una nuova disposizione delle cose, vale a dire una trasformazione degli elementi che formano il mio mondo. In particolare, il desiderio è quell’improvviso senso di vuoto che viene a nascere quando m’imbatto in una presenza umana che si fa squarcio, esigenza di senso, di bellezza, e che mi incita a ridurre la distanza intercorrente tra me e la sua attualità.
Provando a colmare quel vuoto – praticando cioè il desiderio al fine di costruire o ricostituire una compiutezza del vivere – io aggiusto il mio mondo e lo apro all’Altro. Nel salvaguardare e sviluppare questo movimento di apertura, laffetto che provo verso l’Altro resta però autentico solo se diventa uno strumento di conoscenza che limiti al minimo la sofferenza delle parti in gioco e a condizione che vi si cerchi una compiutezza evitando la subordinazione di sé o dell’Altro.
Il vuoto tra i viventi – e tra questi e le cose del mondo – non è che l’attesa di un senso, di un adempimento delle proprie capacità attrattive. In qualche modo, è come un’ipotesi di spazio che ancora non contiene dei “luoghi comuni” per l’affetto, per le parole. Smette di essere vuoto, infatti, quand’almeno due esseri viventi vi costruiscano un territorio e degli andamenti condivisi, concertati, improntando in tal modo un comune saper vivere.

Il vuoto tra i viventi – e tra questi e le cose del mondo – non è che l’attesa di un senso, di un adempimento delle proprie capacità attrattive.

In Histoire de Juliette, il Marchese de Sade scrive: «L’abuso della legge è ciò che conduce al dispotismo; il despota è colui che crea la legge… che la fa parlare, o che se ne serve per i proprî interessi. Togliete al despota questo mezzo d’abuso, e non si avrà più alcun tiranno. Non esiste un solo tiranno che non venga sostenuto dalle leggi nell’esercizio delle sue crudeltà; là dove i diritti dell’uomo saranno ripartiti equamente, in modo che ciascuno possa vendicarsi da sé delle ingiurie ricevute, non si leverà sicuramente nessun despota, perché egli verrebbe rovesciato dalla prima vittima che avesse intenzione d’immolare. Non è mai nell’anarchia che nascono i tiranni: voi li vedete sorgere solo all’ombra delle leggi o trarre autorità da esse. Il regno delle leggi è dunque vizioso; è quindi inferiore a quello dell’anarchia»[1].
Il passo citato, risalente al 1801, e nel quale risalta, forse per la prima volta in assoluto, un’idea positiva di anarchia, va a cozzare con un’affermazione che lo stesso Sade, qualche anno prima, mette in bocca al libertino Dolmancé in La Philosophie dans le boudoir: «Non esiste uomo che non voglia esser despota quando gli si rizza»[2].
Ora, il sillogismo che faccio derivare dalle due citazioni potrà apparire abusivo, ma mi si impone quasi spontaneamente: se ogni erezione apre le porte a una bramosia dispotica, come dice Sade, allora il fallo eretto finisce per risultare l’unica vera legge, l’unica vera istanza normativa alla base di qualsivoglia inclinazione in àmbito sessuale e non. Anzi, il sesso maschile eretto sarebbe allora la vera autorità, il vero depositario di ogni potere dell’uomo sull’uomo e, più di tutto, dell’uomo sulla donna. L’abuso del fallo eretto apparirebbe quindi come l’abuso della legge, come la legge di cui si abusa, la quale non migliora gli uomini, a detta dello stesso Sade, proprio perché tenderebbe a farli diventare altrettanti “despoti”.
In una prospettiva autoritaria, non possiamo che concordare con l’assunto sadiano, ma dobbiamo precisarlo: colui che afferma (e impone) l’idea fissa di una tumescenza capitale, come ad esempio la centralità dell’erezione, è sempre un potenziale “despota”, e non solo nella sfera sessuale. Se l’erotismo rimane un saper discernere lo spirito e il corpo del desiderio sganciandosi dalla sessualità riproduttiva tipicamente animale, e riconoscendo altresì una varietà, una creatività comune nel gioco dei corpi, coloro che scindono l’eccitazione sessuale dalla facoltà di un accordo gioioso tra tutti i sessi possibili, irrigidiscono il pensiero dell’eros intorno alle proprie tumescenze sessuali e impongono una loro specifica rigidità al pensiero e al corpo degli altri.
Beninteso, non è il sesso turgido in sé ad essere portatore di autoritarismo, bensì la mente e le relazioni sociali di chi lo usa per subordinare gli altri al proprio desiderio, al proprio godimento.
Il fallo eretto diventa uno strumento autoritario – una sorta di scettro più o meno patetico – tutte le volte che l’erotismo si voglia come conquista dei corpi e dell’immaginario amoroso degli altri, cioè non appena un qualsiasi atto sessuale si trasformi in forzatura, in atto di potere. La centralità del fallo nasce storicamente da un potere e non fa che situare il potere al centro delle preoccupazioni sessuali. La vera “perversione” si ha proprio nel trasformare l’amore tra potenze affini in un potere tra affetti asimmetrici.

“Non esiste uomo che non voglia esser despota quando gli si rizza.”

– D. A. F. De Sade, La Philosophie dans le boudoir
Via Tim Tadder

Malgrado le dinamiche erettili e autoritarie del pensiero, l’erotismo va vissuto come uno dei più grandi strumenti di conoscenza che il vivente umano-femminile si sia dato in epoca storica – quindi non semplicemente come il vasto campo dei piaceri amorosi e sessuali. La ricerca del godimento diventa storicamente un affinamento del saper vivere. In tale prospettiva, il distanziamento dalla Natura appare netto, basti pensare al drastico ridimensionamento della sessualità procreativa umana, però ne deriva anche, contestualmente, un diffuso movimento di erotizzazione del mondo: da una parte, dunque, l’eros costruisce un’impalcatura concettuale e desiderante innestandosi sulle meccaniche biologiche, riproduttive; dall’altra, il sapere erotico impregna sempre più la dimensione sociale umana, giungendo, negli ultimi tre millenni, ad assumere un ruolo fondamentale nelle relazioni (non solo materiali) tra i membri del genere Homo. La Natura, in realtà, attraverso il sesso e la progressiva erotizzazione dell’esistente, viene ad essere sempre più presente, benché frammentata, individualizzata e diluita in un gran numero di dinamiche particolari. La sua generalità – ossia il bacino comune a tutti i viventi – viene quindi subordinata a una progressiva personalizzazione individuale e di gruppo, producendo continuamente nuove differenze, nuove caratterizzazioni. Gli elenchi dei peccati a sfondo sessuale nei penitenziali cristiani, le catalogazioni sadiane delle 120 journées de Sodome o la proliferazione dei sottogeneri nella pornografia di massa, sono altrettante estremizzazioni di un tale movimento storico. Si cerca d’imbrigliare la Natura e di tenerne sotto controllo gli aspetti ingovernabili, ma ciò conduce l’uomo a una sempre maggiore complessità nella gestione sociale dei dispositivi di controllo, arrivando addirittura a concepire dei sistemi tendenzialmente abiotici come alternativa tecnologica alla “natura umana”.

Da una parte, l’eros costruisce un’impalcatura concettuale e desiderante innestandosi sulle meccaniche biologiche, riproduttive; dall’altra, il sapere erotico impregna sempre più la dimensione sociale umana, giungendo, negli ultimi tre millenni, ad assumere un ruolo fondamentale nelle relazioni.

Via Tim Tadder

Ma per quale motivo tu arrivi a piacermi? Che cosa ti porta a incarnare e a riempire di sangue il mio desiderio? Qual è la molla che me lo fa rizzare deponendo a favore del mio desiderio, del nostro desiderio reciproco?
Come si noterà, generiamo ancora questioni, ancora e sempre questioni. Sembra quasi che le domande scatenino leccitazione – la spavalderia del desiderio – e che l’eccitazione stessa, a sua volta, infittisca le questioni rendendo sempre manchevoli le risposte che ci diamo.
Interroghiamoci comunque su ciò che affiora, sulla critica che mettiamo in pratica per realizzare un senso, una selezione delle esperienze, e impariamo altresì a sfrondare l’inessenziale e a evitare i vuoti di sangue dei nostri corpi.
Finché usiamo parole e segni di qualche genere per rivolgerci agli altri, ci limitiamo a comunicare loro qualcosa e a mantenere la nostra comunicazione dentro una distanza, un distacco. La comunicazione, in altre parole, ci consente di attraversare il territorio che abbiamo in comune con gli altri senza dover ridurre necessariamente le distanze che ci separano da essi e senza che si sia costretti a una fisicità del contatto, a una materialità immediata del rapporto. La comunicazione è lo spazio comune della mediazione. Riduce i vuoti del senso, non le separazioni originate dal senso stesso. Nel perimetro della comunicazione, tutto può avvenire – e avviene – per il tramite di strutture rappresentative, linguistiche, ecc., che sono altrettante protesi del senso. Alcune manifestazioni del vivente sfuggono però a queste manovre, vanno al di là di ciò che se ne potrebbe rappresentare e chiedono a gran voce una negazione di tutte le distanze e di tutte le cautele. Le tumescenze erettili di natura erotica ricadono senz’altro in questa tipologia di eventi. Lerezione annuncia, enuncia e rappresenta l’avvento del desiderio carnale, ma non si accontenta di essere mediazione; chiama infatti alla soddisfazione, al godimento di ciò che l’ha provocata. Resta quindi parte di un concatenamento che si vuole materiale, e teso ad abbattere ogni mediazione immateriale, rappresentativa.

La comunicazione ci consente di attraversare il territorio che abbiamo in comune con gli altri senza dover ridurre necessariamente le distanze che ci separano da essi e senza che si sia costretti a una fisicità del contatto, a una materialità immediata del rapporto.

Nella costruzione di senso che è il marchio dellesperienza umana, il problema non è il desiderio, bensì la realtà materiale del desiderio, il funzionamento reale del pensiero a stretto contatto con la materia dei corpi.
La realtà è ciò che ci tocca fin dentro il pensiero – attraverso la superficie dei corpi, l’unicità materiale dei nostri corpi – ed è anche la concretezza della psiche, dello “spirito”, luoghi altrettanto unici dei loro supporti carnali.
Ciò che ci tocca reca con sé affetto, affinità, oppure offesa, contraddizione, esacerbazione delle differenze.
Nei casi in cui occorra risolvere o attutire “socialmente” la situazione di conflitto, il pensiero produce la dialettica, ossia il proprio affinamento per contrasto, come pure la propria critica, il proprio movimento critico, in una continua oscillazione tra la realtà esteriore e quella interiore, tra le dinamiche sociali eterodirette e il pensiero della propria esperienza del mondo.
Il desiderio, dialetticamente, è anche il desiderio di desiderare, l’affermazione e il continuo rilancio del movimento desiderante. Proprio per questo, esso nega ogni proposito di stabilire il pensiero critico (la critica del pensiero) in una situazione meramente attuale o necessaria. La potenza dialettica del desiderio fonda infatti un’attrazione incessante e di segno opposto a qualsiasi tradizione “spirituale” dell’uomo.
Se io narro il desiderio, se dico chi o cosa voglio occupare col mio desiderio, se affermo la volontà di avere ciò che desidero soprattutto dicendo e rendendo comune il mio desiderio, finisco per costruire o inventare un campo di possibilità in cui attirare l’Altro.
Il mio desiderio apprende costantemente dai suoi attraversamenti dello spazio e, nel contempo, organizza i proprî apprendimenti per stabilire o rinsaldare il senso che do ai miei interventi, alla mia potenza. In questo movimento di “mappatura” dell’esistente desiderabile, finisco però per irretire l’Altro in modo involontario o deliberato subordinandolo alla mia soddisfazione.
Il territorio dell’amore socialmente determinato diventa così una trappola. Una trappola per i corpi, le stelle, le “anime”. Bisogna invece lasciare uno spiraglio, una porta socchiusa, una possibilità di sganciamento per sé, per l’Altro. Trovare cioè una consonanza, una condivisione territoriale che non sia vincolante, ossessiva. Occorre scardinare tutti gli idealismi che inchiodano l’affetto dentro una concezione rigida dell’amore. Il saper vivere è la propria liberazione dell’amore, dall’amore, realizzata insieme a coloro che mettono in comune con noi un affetto o una contraddizione. In tutto questo, bisogna però capire che la vera conquista non è l’amore, il contratto sentimentale, bensì la premura, la tenerezza, la condivisione gentile delle rispettive intelligenze.

(2 – continua)

CARMINE MANGONE è agitatore poetico, traduttore e saggista. Ha scritto di erotismo e dell’oscillazione tra gli estremi per diverse riviste e antologie. È autore, tra gli altri, di Punk Anarchia Rumore (Crac Edizioni), L’insurrezione che è qui (Gwynplaine) e Se questo si chiama amore, io non mi chiamo in alcun modo (Ab imis). Redige «Il pesanervi» e cura per Neutopia «Per una storia del godimento», di cui potete leggere qui la prima puntata.


[1] D.A.F. de Sade, Histoire de Juliette, ou les Prospérités du vice, 1801, parte IV.

[2] La Philosophie dans le boudoir, 1795, dialogo V: «Il n’est point d’homme qui ne veuille être despote quand il bande». Curiosità: in un’edizione italiana del testo sadiano, la frase qui citata scompare come per incanto (cfr. Sade, Opere complete, volume III, Newton Compton, Roma, 1993, p. 160), eppure la lettera dell’originale pare anche fin troppo chiara.

Immagini di Tim Tadder

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...