๐š˜๐šœ๐šœ๐šŽ๐š›๐šŸ๐šŠ๐š๐š˜๐š›๐š’๐š˜ ๐š๐š˜๐š–๐šŽ๐šœ๐š๐š’๐šŒ๐š˜

dalle imposte socchiuse
smagliature dโ€™ombra nella stanza
spigoli di luce e linee azzurre
sulla carne troppo pallida

sento il suo torace gonfiarsi
poi sgonfiarsi lentamente
in un espiro caldo di bestia in letargo
il suo sesso che per tensione
somiglia tanto alla sua mano

io mi attorciglio
come una serpe mi torco
cerco il punto concentrico
di quel disordine atmosferico che io chiamo
โ€˜il pulviscolo di Venereโ€™

– ma ci pensi
a tutte le volte che con la lingua
ti ho portato via il sonno dagli occhi

a terra in pace riposano
sigarette accartocciate sul parquet
camposanto della sera prima
pilastro di una pigrizia che รจ esserci
assopito ma essenziale

siamo qui da non sappiamo quanto tempo
come le querce gemelle del parco di Villa Reale

eppure non hai anche tu lโ€™impressione
che a nutrirti sia ancora il sale?

Testo e voce: Gaia Ginevra Giorgi
Musica: Aniello Maffettone
Manovre segrete ยฉ Interno Poesia 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...